Abusi edilizi, quali responsabilità ha il nudo proprietario?

Cassazione: per evitare le sanzioni bisogna dimostrare di non essere a conoscenza né di aver voluto i lavori

Letto 772 volte

26/11/2014 - Il proprietario di un immobile concesso in usufrutto può evitare la condanna per la realizzazione di opere abusive. Si è espressa in questi termini la Corte di Cassazione con la sentenza 43562/2014.

 
Nel caso preso in esame dalla Corte, era stata realizzata una cisterna in un immobile vincolato ai sensi del Codice dei Beni culturali e del paesaggio (D.lgs. 42/2004).
 
L’immobile era stato dato in usufrutto al padre dalla figlia, che in qualità di nuda proprietaria era stata considerata corresponsabile dell’intervento, realizzato materialmente dall’usufruttuario.
 
La Cassazione ha invece ribaltato il giudizio della Corte d’Appello, sostenendo che per condannare il proprietario bisogna dimostrare la sua disponibilità del bene immobile e il concreto interesse alla realizzazione delle opere abusive.
 
Se, al contrario, si dimostra di non aver voluto le opere e di non essere a conoscenza dei lavori, si possono evitare le sanzioni.
 
Segui la nostra redazione anche su Facebook, Twitter e Google+
  (riproduzione riservata)
 
Consiglia questa notizia ai tuoi amici