Permesso costruire con silenzio assenso solo se gli atti sono completi

Tar Abruzzo: se la domanda è presentata da un tecnico di fiducia va allegato l’atto di conferimento dell’incarico

vedi aggiornamento del 20/10/2014
Letto 4233 volte

24/09/2014 - Il permesso di costruire si forma con silenzio assenso solo se la documentazione inviata agli uffici tecnici è completa. Lo ha affermato il Tar Abruzzo con la sentenza 347/2014.

 
Il Tribunale amministrativo ha chiarito che il permesso di costruire può essere richiesto da un tecnico di fiducia del diretto interessato, ma solo a patto che la domanda sia accompagnata da un atto di conferimento dell’incarico. Oltre a questo, se il diretto interessato, ad esempio il proprietario dell’area su cui si intende costruire, effettua delle autodichiarazioni, queste devono essere corredate dalla copia di un documento di identità del sottoscrittore.
 
Nel caso in cui queste condizioni non vengano rispettate, l’atto è considerato nullo e il silenzio assenso non può formarsi per incompletezza della documentazione.
 
Nel caso esaminato dal Tar Abruzzo, il tecnico di fiducia di una società aveva trasmesso via Pec la domanda di permesso di costruire per la realizzazione di un fabbricato di civile abitazione. Il dirigente del Comune aveva però chiesto l’invio cartaceo della documentazione progettuale perché, per carenze tecniche, era impossibile gestire l’istruttoria in forma telematica. Il dirigente aveva inoltre comunicato che, dopo trenta giorni dalla comunicazione, la pratica sarebbe stata archiviata.
 
Contro questa decisione era stato presentato ricorso per la violazione delle norme sulla digitalizzazione dell’Amministrazione. Il ricorrente sosteneva inoltre che il permesso di costruire si era formato per silenzio assenso.
 
Le motivazioni del ricorrente sono state giudicate valide dal Tar, che però ha dovuto sottolineare l’incompletezza degli atti consegnati. In altre parole, se la documentazione fosse stata completa, il ricorso sarebbe stato vinto e il permesso di costruire si sarebbe formato.

Segui la nostra redazione anche su Facebook, Twitter e Google+
  (riproduzione riservata)

 
Consiglia questa notizia ai tuoi amici